Janssen evidenzia l’impatto della fatigue da sclerosi multipla presentando al MSVirtual 2020 uno studio di dati del mondo reale e attraverso una ricerca globale sui pazienti

La presentazione del poster fornisce nuovi dati sui sintomi e gli effetti della fatigue tramite una nuova scala specifica per la malattia[i]
Un’indagine globale sui pazienti rivela che circa due terzi dei pazienti con sclerosi multipla soffrono di fatigue su base quotidiana[ii]

Janssen, divisione farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, ha annunciato oggi nuovi dati derivanti da uno studio di real-word evidence, che dimostrano alti livelli di fatigue e il relativo impatto sulla vita dei pazienti in termini di attività fisiche, cognitive/emozionali e di coping (accettazione delle modalità di adattamento con le quali si affrontano situazioni stressanti), in una maggioranza di pazienti adulti con sclerosi multipla recidivante (SMR). I dati sono condivisi online in una poster presentation (#P1004) nel corso del MSVirtual2020: 8th Joint ACTRIMS-ECTRIMS Meeting.

Lo studio ha arruolato 200 pazienti statunitensi con SMR e ha misurato la fatigue da sclerosi multipla (SM) e il suo impatto sulla vita quotidiana, utilizzando il Fatigue Symptoms and Impacts Questionnaire – Relapsing Multiple Sclerosis (FSIQ-RMS), una nuova scala specifica per la malattia, sviluppata in coerenza con le linee guida della Food & Drug Administration americana. Il FSIQ-RMS è uno strumento per la rilevazione degli esiti riferiti dai pazienti che ha dimostrato validità di contenuto e misurazione degli item relativi ai sintomi correlati alla fatigue in SMR e al loro impatto. Il sintomo della SM con più impatto sul funzionamento quotidiano è la fatigue (33%), seguito dalle difficoltà deambulatorie (25%).1

“La SM è una delle cause più comuni di disabilità neurologica negli adulti giovani e di mezza età, con oltre 700.000 persone in Europa che ne sono colpite” afferma Bill Martin, Ph.D., Responsabile Globale per l’Area Terapeutica, Neuroscienze, Janssen Research & Development, LLC. “In Janssen abbiamo un approccio olistico alle condizioni neurodegenerative, che tiene conto tanto dei sintomi principali quanto di quelli secondari, o ‘nascosti’. Per questo abbiamo sviluppato il FSIQ-RMS, per meglio comprendere e misurare la gravità della fatigue da SM e il suo impatto sulla funzionalità quotidiana, in modo che queste conoscenze possano applicarsi allo sviluppo di opzioni terapeutiche utili, e di iniziative formative per aiutare le persone con SM e le equipe di cura a gestire meglio questo importante sintomo.”

Parallelamente Janssen, in partnership con la National Multiple Sclerosis Society (NMSS), ha recentemente condotto una ricerca globale sui pazienti per esaminare l’impatto della fatigue da SM su tutti gli aspetti sociali ed emozionali della vita quotidiana.2 L’indagine ha incluso 1.300 pazienti adulti con SM residenti negli Stati Uniti, in Germania, Canada, Francia, nel Regno Unito e in Italia.2 I risultati mostrano che oltre il 65% dei pazienti di SM soffrono di fatigue ogni giorno, e il 60% ha affermato che la fatigue è peggiorata dal momento della diagnosi.2 È inoltre emerso che:2

· Più del 75% dei pazienti concorda che è difficile per le persone attorno a loro capire come la fatigue li condizioni.

· Quasi il 70% dei rispondenti ritiene di dover nascondere agli altri la propria fatigue.

· Oltre il 40% dei rispondenti ha riferito un senso di solitudine a causa della fatigue.

· Circa il 37% ha affermato di avere problemi a fare nuove amicizie, o di avere rapporti tesi con gli amici a causa della fatigue.

· Quasi metà dei pazienti fa pause nel corso della giornata per gestire la fatigue. Sul posto di lavoro, in particolare, l’85% ha riferito che questa incide sul modo in cui si sentono ed agiscono al lavoro.

· Più di un terzo dei rispondenti ha riferito di essere arrivato al lavoro tardi o di essere andato via in anticipo, di essersi dato malato al lavoro, o di essere mancato ad attività familiari o sociali a causa della fatigue.

· Oltre il 90% dei pazienti ha parlato della propria fatigue con il medico; tuttavia il 56% afferma di avere la sensazione che il proprio medico non abbia compreso pienamente l’impatto della fatigue sulla sua vita quotidiana.

#FINE#

La sclerosi multipla (SM)

La SM è malattia infiammatoria autoimmune cronica del sistema nervoso centrale.[iii] Ne sono affette oltre 700.000 persone in Europa, ed è una delle cause più comuni di disabilità neurologica negli adulti di giovane e media età, con una frequenza fino a tre volte superiore nelle donne rispetto agli uomini.[iv],[v],[vi] La prevalenza varia nelle diverse aree del mondo, ma è più elevata nel Nord Europa e nel Nord America.[vii] La malattia è caratterizzata da demielinizzazione e perdita assonale, con conseguente danno neurologico e disabilità grave.[viii],[ix] Le forme recidivanti di SM comprendono la sindrome clinicamente isolata, la SM recidivante-remittente (che rappresenta l’85% di tutti i casi), e la SM secondariamente progressiva.[x] Oltre ai sintomi neurologici debilitanti della malattia, il paziente soffre spesso anche di “sintomi nascosti”, vale a dire fatigue e depressione, ambedue contribuiscono fortemente a ridurre la qualità della vita.[xi] La fatigue è uno dei sintomi più comuni della SM, essendo presente in circa l’80% dei pazienti.[xii]

Le recidive sono definite come comparsa di sintomi neurologici nuovi, in peggioramento o ricorrenti che durano più di 24 ore in assenza di febbre o infezioni.[xiii] Le recidive possono risolversi completamente nel corso di giorni o settimane, oppure portare e deficit residui permanenti e ad un accumulo della disabilità.9,13

La National Multiple Sclerosis Society (NMSS)

The National Multiple Sclerosis Society esiste perché esistono persone malate di SM. La nostra visione è un mondo libero dalla sclerosi multipla. Tutto quello che facciamo è rivolto a far sì che le persone affette da SM possano vivere le loro vite al meglio, mentre blocchiamo l’avanzare della malattia, ripristiniamo quanto è stato perduto e mettiamo fine alla sclerosi multipla per sempre.

Siamo più che un’organizzazione. Siamo un movimento. Uniti nel potere collettivo di agire per affrontare la SM ora e mettere fine per sempre a questa malattia. Il punto di incontro per le persone colpite dalla sclerosi multipla, le loro famiglie e i loro cari, gli operatori sanitari, i volontari, i donatori, chi si impegna nella raccolta di fondi, i sostenitori, i leader di comunità e tutto coloro che vogliono un mondo libero dalla sclerosi multipla. Un luogo dove connettersi e agire. Per cambiare il mondo, mobilitiamo tutte le risorse umane e finanziarie possibili per arrivare a ottenere risultati.

Janssen Pharmaceutical Companies di Johnson & Johnson

In Janssen lavoriamo alla creazione di un futuro in cui la malattia sia un ricordo del passato. Siamo l’azienda farmaceutica di J&J, e lavoriamo instancabilmente perché quel futuro diventi una realtà per i pazienti di tutto il mondo, combattendo la malattia con la scienza, migliorando l’accesso alle cure con l’ingegno e guarendo la disperazione mettendoci il cuore. Ci concentriamo sulle aree della medicina in cui possiamo avere il massimo impatto: Patologie Metaboliche e Cardiovascolari, Immunologia, Infettivologia & Vaccini, Neuroscienze, Oncologia, e Ipertensione polmonare.

Per saperne di più: www.janssen.com/emea.

Seguiteci su www.twitter.com/JanssenEMEA. Janssen Research & Development, LLC fa parte delle Janssen Pharmaceutical Companies di Johnson & Johnson.

Avvertenze in merito alle dichiarazioni previsionali

Il presente comunicato stampa contiene “dichiarazioni previsionali” come definite nel Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Il lettore è avvertito di non fare affidamento su tali dichiarazioni previsionali. Tali dichiarazioni si basano sulle attuali aspettative rispetto ad eventi futuri. Se le ipotesi alla base di tali aspettative si dimostrano imprecise, o se si concretizzano rischi o incertezze noti o non noti, i risultati effettivi possono variare sensibilmente rispetto alle previsioni e proiezioni di Janssen Research & Development, LLC, di un’altra delle Janssen Pharmaceutical Companies, e/o di Johnson & Johnson. I rischi e le incertezze comprendono, non esaustivamente: difficoltà e incertezze insite nella ricerca e sviluppo di prodotti, tra cui l’incertezza del successo clinico e delle approvazioni delle autorità regolatorie; l’incertezza del successo commerciale; difficoltà e ritardi di produzione; la concorrenza, compresi progressi tecnologici, nuovi prodotti e brevetti ottenuti da concorrenti; contestazioni di brevetti; cambiamenti di comportamento e modelli di spesa degli acquirenti di prodotti e servizi sanitari; modifiche di leggi e regolamenti applicabili, comprese riforme dei sistemi sanitari; e tendenze al contenimento dei costi per la sanità. Un ulteriore elenco e descrizione di questi rischi, incertezze e altri fattori si può trovare nel rapporto annuale di Johnson&Johnson sul Form 10-K per l’anno finanziario chiuso al 29 dicembre 2019, anche nelle sezioni intitolate “Cautionary Note Regarding Forward-Looking Statements” e “Item 1A. Risk Factors,” e nell‘ultimo rapporto trimestrale sul Form 10-Q e le successive comunicazioni alla Securities and Exchange Commission. Copie di tali documenti sono disponibili online su www.sec.gov, www.jnj.com, o ottenibili su richiesta da Johnson&Johnson. Nessuna delle Janssen Pharmaceutical Companies né Johnson&Johnson si impegnano ad aggiornare le dichiarazioni previsionali in conseguenza di nuove informazioni o eventi o sviluppi futuri.

# # #

[i] Azoulai M, et al. A real-world study characterizing symptoms and impacts of fatigue in US adults with relapsing multiple sclerosis using a novel disease specific scale. Accesso settembre 2020 presso MSVirtual2020: 8th Joint ACTRIMS-ECTRIMS Meeting l’11 settembre 2020.

[ii] Dati d’archivio Janssen. RF-139281.

[iii] National Multiple Sclerosis Society. Multiple Sclerosis FAQs. Disponibile su: https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/MS-FAQ-s. Accesso settembre 2020.

[iv] Gitto L. Multiple Sclerosis: Living with Multiple Sclerosis in Europe: Pharmacological Treatments, Cost of Illness, and Health-Related Quality of Life Across Countries. In: Multiple Sclerosis: Perspectives in Treatment and Pathogenesis. Ian S. Zagon and Patricia J. McLaughlin (Editors), Codon Publications, Brisbane, Australia. ISBN: 978-0-9944381-3-3.

[v] Gitto L. Multiple Sclerosis patients’ awareness of disease and compliance to pharmacological treatment with Disease Modifying Drugs (DMDs). Eur J Pers Cent Healthc. 2016 Dec;4(4):599–608.

[vi] National Multiple Sclerosis Society. Who Gets MS. Disponibile su: https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/Who-Gets-MS. Accesso settembre 2020.

[vii] MS International Federation. Who Gets MS? Disponibile su: https://www.msif.org/about-ms/epidemiology-of-ms/ Accesso settembre 2020.

[viii] National Multiple Sclerosis Society. What is myelin? Disponibile su: https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/Definition-of-MS/Myelin. Accesso settembre 2020.

[ix] Lublin FD, Baier M, Cutter G. Effect of relapses on development of residual deficit in multiple sclerosis. Neurology. 2003;61:1528-1532.

[x] National Multiple Sclerosis Society. What is MS? Types of MS. Disponibile su: https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/Types-of-MS. Accesso settembre 2020.

[xi] Biernacki T, Sandi D, Kincses ZT, et al. Contributing factors to health-related quality of life in multiple sclerosis. Brain Behav. 2019;00:e01466. https://doi.org/10.1002/brb3.1466.

[xii] National Multiple Sclerosis Society. Fatigue. Disponibile su: https://www.nationalmssociety.org/Symptoms-Diagnosis/MS-Symptoms/Fatigue. Accesso settembre 2020.

[xiii] Multiple Sclerosis Association of America. What is an MS relapse? Disponibile su: https://mymsaa.org/publications/ms-relapse-toolkit/what-relapse/. Accesso settembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *