SICILIA. A PALERMO CHIUSO IL XIII CONGRESSO REGIONALE DEI GINECOLOGI OSPEDALIERI

“Una proposta di Legge al Parlamento Nazionale – attraverso, un patto tra le società scientifiche, AOGOI in testa – volta ad introdurre il cd. indennizzo (al paziente) da fatto lecito a carico del fondo vittime alea terapeutica”. Questo uno dei dati più importanti emersi dal tredicesimo congresso regionale AOGOI (Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani), che si è chiuso a Palermo, presso il San Paolo Palace Hotel, sotto la presidenza di Salvatore Incandela, anche presidente regionale AOGOI.

 

 

 

Secondo i dati dell’Ufficio legale AOGOIla maggior parte delle azioni legali intraprese su tutto il territorio nazionale nei confronti dei medici ginecologi si conclude con una loro assoluzione, non essendoci un nesso di causalità diretta tra il danno e la responsabilità del medico in termini di colpa, o legato a carenze strutturali. Il più delle volte il danno/paziente è riconducibile a situazioni patologiche, o genetiche, sussistenti prima del parto ed i ginecologi sono spesso destinatari di contenziosi “temerari”, come dimostra, infatti, nella maggior parte dei casi, la risoluzione a loro favore dei procedimenti instaurati. Da qui la proposta di Legge: l’indennizzo al paziente, che si differenzia dal risarcimento da fatto illecito in quanto non è legato ad una responsabilità medica appunto, ma a cause non ascrivibili a medico e struttura. L’AOGOI già nel 2008 aveva avanzato questa proposta e anche in occasione del varo della Legge Gelli era tornata sul tema; d’altronde in altri Paesi, come ad esempio, Francia e Belgio tale indennizzo è operativo già dal 2000. Altro punto centrale del congresso, il delicato tema della sicurezza dei percorsi- nascita. La sessione dedicata alla rete materno-infantile della Regione Sicilia è stata conclusa dall’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, che sul punto ha affermato: “Nella rete ospedaliera l’organizzazione dei punti nascita assume un valore strategico importante. Dietro ogni scelta c’è bisogno di confronto con i professionisti ed esso dev’essere solido, costante e con un profilo di natura tecnico- scientifica molto alta”. Giuseppe Ettore presidente Fesmed (Federazione Sindacale Medici Dirigenti), anche componente del percorso nascita nazionale (di cui fanno parte altresì: Jorizzo, Zanini, Ghirardini), ha rilevato che: “Dopo il decreto di riordino dedicato al settore, la Sicilia ha iniziato da subito a mettere in sicurezza i percorsi nascita. Con i professionisti di AOGOI abbiamo cercato un confronto istituzionale sempre pacato, ma anche molto deciso nell’affermare che i principi del cambiamento non possono essere quelli del non cambiare. A 8 anni di distanza da quel decreto sono mutate tante cose: la Sicilia, diversamente da qualche anno fa, non è più una Regione canaglia su alcuni esiti, quali mortalità materna, perinatale e incidenza del parto cesareo. Il Paese sul piano nazionale ha visto scelte di de-finanziamento crescente che ricadonosulle Regioni. Speriamo che, l’impegno dell’assessore Razza consenta di superare aspetti che ancor vedono in forte pericolo la qualità e la funzionalità di alcuni punti nascita, dove la complessità ed il carico di lavoro non è ancora supportata adeguatamente, né dalla qualità delle risorse umane né da quella tecnologica”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *